Finalità e Obiettivi

Le finalità generali del servizio.

La dimensione comunitaria intende offrire un ambiente quotidiano con ritmi regolari e rassicuranti,
con operatori ruotanti che offrono a turno la disponibilità e la presenza e vengono a qualificarsi
come figure di riferimento genitoriale, sebbene vengano rispettati ruoli e differenze professionali
degli operatori. Tale realtà è in grado di soddisfare i bisogni di relazione, familiarità, appartenenza
dei minori accolti, promuovendone il recupero, la maturazione, l’autonomia, la
responsabilizzazione, attraverso un clima relazionale caldo e la presenza costante di figure adulte di
riferimento, in relazione d’aiuto.
L’equipe lavora sia sulla dimensione pedagogico-relazionale, sia sulla dimensione clinico
psicologica, sia ancora sulla dimensione sociale e comunitaria.
Dal punto di vista pedagogico-scolastico la sua azione è finalizzata intenzionalmente a promuovere
la crescita globale della persona ed a stimolare l’adolescente verso una graduale ri-acquisizione
della dimensione del desiderio per l’apprendimento e la conoscenza, al di là di profitti e fallimenti
scolastici. Stimolando l’interesse dell’adolescente per la cultura e l’apprendimento in un contesto
libero e non giudicante l’intervento è volto a porlo nella possibilità di costruire liberamente le sue
aree di attitudine e a costruire gradualmente una sua identità sociale.
Dal punto di vista clinico l’azione del gruppo appartamento sul disagio psichico è volta alla
riduzione dell’aspetto di cura psichiatrica / farmacologica e alla promozione di percorsi di gruppo e
individuali di indirizzo psicoterapico che possano promuovere un evoluzione della personalità e
delle modalità di rapporto del soggetto. Sarà fortemente utilizzato lo strumento del piccolo gruppo,
anche attraverso l’utilizzo di gruppi/laboratorio ad orientamento psicodinamico, che utilizzino il
mezzo filmico e letterario, strumento innovativo ed efficace con l’utenza adolescente, per
approfondire vissuti e dinamiche latenti sottese al disagio psichico.
Dal punto di vista sociale l’azione coordinata dall’assistente sociale è volta ad un inserimento
graduale dell’adolescente nel tessuto sociale del quartiere, che vive spesso in condizioni di
marginalità, stimolandone il senso di appartenenza e permettendo al ragazzo di inserirsi in contesti
di gruppo fuori dalla residenza, dove fare esperienze positive e che possano accrescere la sua
identità psichica. Sarà stimolata ed indirizzata la partecipazioni a realtà di quartiere di tipo artistico
e sportivo.
A livello gestionale, il gruppo appartamento si configura come luogo della quotidianità e quindi di
“regolarità” delle relazioni interpersonali ed affettive, in cui centrale è la partecipazione dei minori
accolti alla vita comune e della condivisione degli spazi fisici e relazionali. La vita comunitaria sarà
organizzata insieme con i ragazzi e saranno predisposti momenti di gruppo, talvolta anche con le
famiglie dove discutere modifiche e cambiamenti.
Il gruppo – appartamento è organizzato strutturalmente in un  ambiente suddiviso in modo da integrare l’esigenza di relazionalità con il diritto alla privacy dei minori accolti.
Il gruppo appartamento è composto fra gli altri o di un grosso spazio interno per le attività di gruppo, e di un ampio spazio esterno per le attività e i laboratori all’aperto, comprendente un piccolo giardino dove verrà realizzato un piccolo orto/giardino in attività laboratoriale (entrambi gli spazi condivisi con il Centro Diurno).
Tali ambienti rispettano i requisiti tecnico-strutturali previsti dalle normative vigenti delle abitazioni civili, previste per questo tipo di attività dalla legge vigente per le strutture socio-assistenziali.
L’appartamento è sito nel  quartiere di Morena, ovvero la VII circoscrizione di Roma. Trattasi di un vivace quartiere ben integrato con servizi, scuole, centri sportivi e ludici, sito a pochi Km dalla stazione di Anagnina della metro A, e dalla stazione di Ciampino di Trenitalia.

Obiettivi Generali

Gli obiettivi educativi generali che il gruppo appartamento persegue al fine di favorire il recupero dell’integrità psicologica e dell’equilibrio emozionale dei minori accolti, promuovendone  indipendenza ed autonomia, si articolano su due livelli: individuale e di gruppo.
A livello di ogni singolo minore accolto, il gruppo-appartamento si propone di:

  • offrire un clima di cura e protezione
  • offrire sostegno materiale
  • rinforzare le funzioni intrapsichiche
  • migliorare le problematiche comportamentali ed emotive
  • migliorare la modalità di rapporto con l’altro
  • promuovere l’instaurarsi di una relazione positiva con la famiglia d’origine
  • sostenere la famiglia d’origine attraverso percorsi strutturati di sostegno alla genitorialità
    individuali e di gruppo
  • offrire un servizio di orientamento professionale e di inserimento lavorativo
  • offrire un servizio di sostegno allo studio per adolescenti con particolari problematiche di
    apprendimento
  • gestire e contenere, quando possibili, episodi di crisi nelle patologie psichiatriche in adolescenza
    stabilizzate cosi da evitare il ricovero in contesti ospedalieri.

A livello gruppale, il gruppo appartamento si propone di:

  • intervenire come modello relazionale-affettivo
  • facilitare la costruzione di rapporti validi fra gli adolescenti
  • permettere l’elaborazione profonda di dinamiche e vissuti di gruppo
  • promuovere l’accettazione ed il rispetto delle norme del vivere civile condiviso