Lavoro d’Equipe

L’Equipe come organismo di coordinamento.

L’equipe agisce come organismo di coordinamento, corresponsabilità e promozione di iniziative per la vita e lo sviluppo del gruppo appartamento. I membri dell’equipe garantiscono la copertura del servizio 24 ore su 24, garantendo sempre la presenza in turno di uno o più educatori, a seconda della fascia oraria e delle esigenze che emergono dal gruppo di utenti ospiti.
L’equipe collabora con i servizi sociali e sanitari presenti sul territorio e, all’occorrenza, si avvale  della consulenza di figure professionali esterne afferenti all’area medica, pedagogica, sociologica e legale. Ogni singolo caso ed ogni opportuna valutazione dei problemi complessivi riguardanti la comunità vengono affrontati in periodici incontri d’equipe, a cadenza bi-settimanale e nel corso della supervisione, a cadenza mensile, finalizzata a favorire l’analisi e l’approfondimento delle  dinamiche relazionali all’interno della comunità. Sono momenti per discutere i casi clinici ed elaborare difficoltà che emergono nel rapporto con i ragazzi. Dal punto di vista metodologico, l’equipe si avvale di strumenti di verifica permanente del lavoro educativo svolto, quali:

  • il diario giornaliero
  • le griglie d’osservazione
  • le relazioni periodiche circa l’andamento di ogni singolo minore accolto, rispetto agli obiettivi precisati nel progetto educativo individuale.

Saranno inoltre  svolte relazionali annuali di servizio da parte del responsabile e degli utenti stessi volti ad una valutazione multi-prospettica.
Al fine di garantire il livello ottimale delle prestazioni professionali e gli standards operativi richiesti dalla tipologia del servizio, l’equipe è costantemente impegnata non solo a promuovere  iniziative mirate all’aggiornamento e alla formazione permanente degli operatori ( saranno effettuate ore 30 di aggiornamento professionale annuale per l’equipe e per il responsabile come previsto dalla normativa di riferimento) ma anche a realizzare momenti di studio e formazione interni alla struttura socio-assistenziale, volti a sensibilizzare e coinvolgere il territorio sull’esperienza del gruppo appartamento e sugli specifici temi del disagio giovanile.
L’equipe si impegna ad instaurare corretti e sistematici rapporti di collaborazione con la rete dei servizi socio-assistenziali, sociali e sanitari del territorio, formalizzando incontri periodici e protocolli concertati di intervento, attivando sinergie e promuovendo la partecipazione delle diverse figure professionali, nell’individuazione del percorso di crescita globale di ciascun minore ospite della comunità.
L’equipe si impegna a svolgere permanentemente un lavoro di rete, finalizzato al duplice obiettivocdi evitare qualsiasi forma di auto-referenzialità e di garantire agli ospiti i mezzi per superare l’handicap istituzionale, attraverso l’offerta di un repertorio diversificato di occasioni per la crescita e lo sviluppo dell’identità sociale. L’equipe provvede a mantenere i rapporti con le famiglie dei minori accolti, favorendo l’ottimizzazione delle relazioni con l’ambiente familiare e socio-culturale di provenienza.
Un aspetto importante è quello di mettere in atto meccanismi di supporto e supervisione dell’equipe stessa, in modo da evidenziare dinamiche latenti nel gruppo di lavoro che impediscono un buon svolgimento del percorso dell’ospite ed eventuali problematiche di burn-out e mobbing dell’operatore. Tale intervento verrà realizzato con l’intervento di uno psicologo supervisore esterno che presenzierà le riunioni d’equipe su cadenza bimestrale.